The Wizard of OZ

There are many different versions oft he Wizard of OZ. What makes it so interesting, in my eyes, is that, whatever version you pick, the magician is a fake. There is no magic, just a bunch of people who need to believe that someone loves them and is protecting them, and a fellow, like we know many in history, who happened to be there at the right time.

 

PostWizardofOZ1

 

PostWizardofOZ3

 

And then, if the magician is questionable, what about the witches? Is the Wicked witch wicked, is the Good witch good? Life is a game of mirrors, half truth and beliefs, and everyone ends up with his own version of the story…

 

PostWizardofOZ2

 

That’s what I like most about this classic, that’s why I chose it as my first main theme for 2016.
I painted two version of the Wizard’s Palace: one on a stone naturally standing, because you know I love those little houses but I don’t want to use any modified pebble; and a magnet version, with the big head Dorothy sees the first time she meets the magician. The colors are green and gold – it was not easy to find the right shade – like every building in the Emerald City.

 

PostWizardofOZ4

 

Dorothy and her friends, and the witches too, the witch of the North and the witch of the West, found their place on a new story stones set. I had so much fun painting it, I love to have a chance to draw my own version of what I read, take a step back and try to imagine the characters from scratch for once. I love how they came out, which one is your favourite?

 

PostWizardofOZ5

 

This tale meant so much to me in these months that I picked it also for the next desktop monthly calendar… a special month, since it is almost my birthday. I hope you’ll love it, just click on the right format and download it for free:

 

 

January 2016 free desktop calendar

Yes, I keep on being a bit late. And with my posts, too, I know. But if you don’t see me much in these days is because I really need to fix this blog before I can properly write again on it!

 

DesktopcalendarJanuary16Blogpreview

 

Today I finally found a banner I’m happy with… how do you like it? And to celebrate, this month the calendar is made with the same drawing… and a sentence about dreams of course. From one of my favourite painters:

 

 

I wish you a great 2016!

 

DIY da sassolino a spilla casetta – DIY handpainted stone house brooch

Ho ripetuto più volte che non ho grandi segreti da svelare quando si tratta della pittura su sassi, ma devo dire che le vostre continue richieste per un tutorial sono riuscite in parte a farmi ricredere. Grazie ai miei followers su Facebook ho finito per convincermi che quello che per me è ovvio per altre persone magari lo è molto meno, che ad alcuni di voi potesse essere utile vedere come procedo passo passo per dipingere una casetta, e conoscere qualche piccolo trucco che ho imparato strada facendo.
I said more than once that I don’t have big secrets to share about stone-painting, but all your requests on Facebook kind of made my change my mind. Thanks to my followers I now think that what’s obvious for me may not be that obvious for people who don’t paint every day, and that it may be useful for some of you to see a step by step tutorial and get to know a couple of tips I learned on the way.

 

DIYspillacasettacover2

 

 DIYspillacasetta1

 

Partiamo dai materiali: per dipingere utilizzo solo colori acrilici, e una serie di pennelli che va dal piccolo al piccolissimo (fino allo 000, quando ho la fortuna di trovarlo). Lascio che il colore asciughi qualche minuto tra una fase e l’altra, e aspetto almeno un giorno prima di completare il lavoro con uno-due strati di vernice trasparente atossica.
Let’s begin with the basic tools: I do use only acrylic colours for my stones, and a set of brushes which goes from small-size to superverysmall-size (even using a 000, when I am so lucky to find it). I let the paint always dry for some minutes before changing colour, and I always wait at least a day before using (one or two times) a fixative painting on my artworks.

 

DIYspillacasetta2

 

Assicuratevi che il sasso scelto abbia una bella forma, che sia il più liscio possibile (sarà più facile da dipingere) e che non presenti irregolarità nemmeno sulla parte posteriore, altrimenti vi sarà impossibile incollare l’attacco per spilla (ne trovate di
diverse forme e dimensioni in tutti i negozi per le Belle Arti). La scelta dei colori da adoperare dipende molto da quello di partenza: a me piace molto lasciare che si veda la pietra grezza in modo che si capisca che la casetta è in realtà un sassolino, ma voi potete colorare la base come più vi piace.
Make sure to pick a nice stone, as smooth as possible (it will be easier to paint) and flat on the back side, or you won’t be able to
fix a pin backing on to it (you can easily find them in all craft stores, in various sizes and models).
Choosing a colour palette depends a lot on your basic colour: most of the time I use the natural base as it is, so that it is clear that the house is a stone, but of course you can paint the background as you like.

 

DIYspillacasetta3

 

Se necessario, pulite il sasso sotto l’acqua corrente con del sapone per piatti e lasciatelo asciugare. Preparate
i colori, una tavolozza (io uso vaschette di recupero, così riciclo e ho pure una nuova tavolozza ogni volta che mi metto al lavoro) e un bicchiere di acqua calda (ho l’impressione che i colori si sciolgano molto meglio se si usa l’acqua calda). In sassi semplici come questo non traccio nessuna linea prima di cominciare, ma se preferite avere uno schizzo da seguire potete usare un
comunissimo lapis per disegnare, e correggere gli errori con una gomma qualsiasi.
If necessary, clean the stone with water and dishes soap, and while it dries prepare your palette (I prefer to re-use plastic caps and
mix the colour there, so I can recycle AND get a new palette every time that I paint), then place a big glass of warm water next to it (I have the feeling that warm water dilutes the colours a lot better). When I paint something simple like this house I don’t make any sign on the stone before starting, but if you like you can draw a sketch onto it using a pencil, and make correction with an ordinary eraser.

 

DIYspillacasetta5

 

Per prima cosa dipingete con un pennello più grande tetto e porta. Con il grigio chiaro personalmente preferisco usare colori allegri a contrasto come in questo caso. Il modo più semplice per dipingere una finestra (credetemi, le ho provate tutte) è
tracciare prima le linee colorate della cornice, poi colorare i vetri, e solo dopo tracciare le linee dei bordi. Per ripassare con il colore nero il contorno della porta, del tetto e della finestra, utilizzate il pennello più sottile che avete con poco colore nero (o le righe saranno troppo spesse).
First, paint with a bigger brush the roof and the door. If I am painting on grey, like now, I prefer to make a contrast by using fresh colours, like pink. The easiest way (believe me, I tried everything) to paint a window is drawing first the frame, then the glass, and then the contour.
To outline roof, window and door, use the thinnest brush you can find, taking only a small amount of black colour (or your lines will be too big).

 

DIYspillacasetta6

 

Una volta che avrete definito gli spazi, arriva il momento che preferisco: decorare. Ovviamente ho scelto un esempio semplice per il tutorial, ma questa è la parte in cui potete sperimentare di più, cambiando tipo di fiori e foglie, aggiungendo animali e elementi del giardino. Negli album della pagina Facebook e nel mio negozio Etsy potete trovare moltissimi esempi. Tracciate un paio di linee per i rampicanti con il colore nero e disegnate direttamente con il pennello foglie e fiori: piccoli segni a tre punte per l’edera, foglie a punta, e le spirali delle rose.
Once the main areas are defined, it’s time for the best part: decorate. Of course I choose a simple example for this tutorial, but
you can do a lot of experiments if you like, changing the shape of leaves and kind of flowers, adding animals or garden furniture. You can find a lot of examples on Mammabook’s albums on Facebook and in my Etsy shop.

 

DIYspillacasetta7

 

Sempre con il pennello sottile riempite di colore i particolari. Vi consiglio di variare i colori delle foglie e di utilizzare qualche punto luce per dare più movimento all’insieme; il disegno è così piccolo che basta appena un puntino, come nel video.
Keep on working with the extra-thin brush to colour the details. I recommend you to use more shades of the same colour to make the composition lively, and create some highlights (like in the video).
 
 

 

DIYspillacasetta8

 

E questo è tutto: ora lasciate asciugare la vostra creazione per qualche ora, se volete aggiungete e lasciate asciugare la vostra firma sul retro. Poi fissate il colore con uno spray o con una vernice apposita: il personalmente preferisco la vernice, perché ho
l’impressione che lo spray lasci sbiadire i bianchi nel tempo. In commercio esistono vernici che diventano atossiche una volta asciugate (non è mai una buona idea respirare le vernici mentre vengono applicate) e persino resistenti all’acqua.
And we’re done! Now let your artwork dry a couple of hours, if you like add your signature on the back. Then fix the colours with a fixative spray or paint: I prefer the paint, because I have the feeling that the spray lets the whites slowly disappear. In your craft store you can find non-toxic fixative paints, and even water-resistant.

 

DIYspillacasetta9

 

Una volta che il lavoro sarà completamente asciutto potrete fissare sul retro il supporto metallico da spilla. Per far questo potete usare della colla ultra fissante o della colla a caldo; onestamente non ho ancora stabilito quale sia la mia preferita e continuo a passare da un’opzione all’altra…
Once your artwork is ready you can fix the pin backing on the back. You can use strong glue or hot glue to do that – I didn’t decide
yet what works better…

 

DIYspillacasettacover

DIYspillacasettacoverITA

 

Vi è stato utile questo tutorial? Vorreste vederne altri su queste pagine? E soprattutto… mi mostrate i vostri piccoli capolavori?!
Did you find this tutorial interesting? Would you like to see more stone-tutorials on this blog? And most important… may I see your little houses?

 

In and out of Wonderland

Avrei potuto scrivere questo post in un momento qualsiasi dell’anno, e invece ho aspettato fino ad ora. Ho provato a illudermi che un tema potesse ‘concludersi’, di potermi trovare per le mani tutte le mie creazioni dedicate a Alice in un solo momento. Per fortuna non è così, le casette dedicate al Paese delle Meraviglie vanno e vengono dal mio laboratorio, e io mi sono resa conto che tutto quello che posso fare è fermare un attimo di questo flusso…

 

WelcometoWonderland7

 

I could have written this post in whatever moment this year, but I waited until now. I duped myself, imagining that there would be a moment where I would have all my creations dedicated to Wonderland, all together in my hands. I am lucky after all, if it is not the case: Alice’s houses come and go, and I realized that all I can do is showing a moment of this flow…

 

WelcometoWonderland3 

 

Ogni cosa che dipingo porta centinaia di possibili combinazioni con sé; potrei dipingere tutto il giorno e non venirne mai a capo. Sono una persona fortunata, perché riesco a immaginare quello che non c’è, lo faccio continuamente, e ho anche la fortuna di aver capito come posso dare un corpo a questi fantasmi.
Everything that I paint brings a thousand of possibilities with it; I could paint the whole day, and still not give shape to all the combinations I have in my mind. I am a lucky person, I can imagine something that is not, I do it all the time, and I also leaned how to give shape to my ghosts.

 

 

WelcometoWonderland2

 

Dopo aver tanto aspettato, ho capito che non c’è una fine, per nessuno dei temi che affronto. In particolar modo per Alice, questa storia che non finisce di farmi capire cose, e che sembra appassionare allo stesso modo tanti di voi…
Una casetta tira l’altra, nascono sempre nuovi dettagli. E poi questa settimana mi sono messa persino a disegnare un set per raccontare la sua storia, e me ne sono davvero innamorata (si è intuito dalle foto?)!
After waiting for so long, I understood that there is no end, for none of the themes I represent. Especially for Alice, a story which has always something to tell me, and seems to thrill all of you in the same way…
A little house appears, and then another one, and another… e this week I even painted a storytelling set with stones, dedicated to Alice. I like it so much (and had so much fun taking the pictures)!

 

WelcometoWonderland5

 

Qual è il vostro preferito?
Personalmente, uno dei personaggi che più mi affascina di Alice è il Bianconiglio, che corre senza avere mai un attimo di tempo per ascoltarla, e così lei gli corre dietro, inciampa nella tana, lo perde e lo reincontra ogni volta che sembra essersi dimenticata di lui.
Which one is your favourite?
I am really fascinated by the character of the White Rabbit, who runs all the time and never finds a moment to listen to Alice, and so she runs after him, falls in its den, looses him and finds him again each and every time that she almost forgot about him.

 

WelcometoWonderland8

 

Mi sento tanto Bianconiglio ultimamente. Mi chiedo: come ho fatto a non avere più tempo? Come è possibile avere già riempito tutto il tempo della mia giornata, ancora prima che questa cominci?
I do feel a lot like the White Rabbit lately. I wonder: how comes that I have no time anymore? How is it possible that my day is already full before I even started it?

 

WelcometoWonderland6

 

Ho ‘perso’ tanto tempo nella mia vita: tanti pomeriggi in casa a scarabocchiare e leggere, ho perso tempo dietro al mio
bimbo, e poi dietro alla piccoletta, ho perso tempo a inventare giochi, a dipingere, a fare una foto al giorno a questa città.
I ‘wasted’ so much time in my life: so many afternoons doodling and reading, I wasted time after my baby boy, and then also my baby girl, I wasted time inventing games, painting, taking at least a picture every day of this wonderful town.

 

WelcometoWonderland4

 

E poi mi sono inventata questa attività, e sembrava il lavoro più bello del mondo. E poi sono arrivati lo Stregatto, e Panco Pinco e Pinco Panco e Facebook, e il SEO, e i messaggi che devono essere calibrati tra privato e pubblico, il me-prodotto, i bambini che sul blog ci starebbero tanto bene. Cartelli a destra e sinistra, gatti che consigliano di andare in una direzione, e strani esseri a forma di scopa che cancellano la strada che hai appena percorso.
And then I invented this activity, and it looked like the most beautiful job in the world. And then the Cheshire Cat came, and Tweedledum and Tweedledee, and Facebook, and the SEO, and the messages which must be perfectly equilibrated between public and private, and the me-product, and the kids who would look so cute on the blog. Signs up and down, cats telling you which way you should go, weird things with a broom-shaped head cleaning away the path you just took.

 

WelcometoWonderland9

 

Ho la sensazione di aver cominciato lì, a perdere tempo per davvero. Perché diciamocelo chiaro e tondo, io non sono una multinazionale, né aspiro a diventarlo. Ho sempre immaginato il mio pubblico ristretto, ma speciale. Magari crescerà, ma sarà sempre formato da persone di un certo tipo – irriconoscibili per strada, innamorate delle cose fantastiche, persone che sanno stare da sole e dedicarsi a quel che amano in silenzio, che sanno cosa le rende felici, e sono perfino capaci di trovare bello un sasso.
I have this feeling: that’s where I started to waste time for real. Let’s be honest: I am no multinational corporation, I don’t want to become one. I always imagined my public as small, but very special. Sure its number will increase, but the kind of people will be always the same you won’t spot them in the streets, but believe me they love stories and fantasies, they can spend time alone, they know what makes them happy, and can even find a stone beautiful.

 

WelcometoWonderland1

 

E riguardo al mettere in piazza la mia vita, no, non chiedetemelo. In questo blog ho sempre parlato di me e ho parlato anche dei miei figli, ma si è trattato sempre di cenni calibrati tratti da una vita intera che resta dietro le quinte. Ho sempre preservato la mia
famiglia, soprattutto a livello di immagini, e la sola idea di ‘metterla in gioco’ in favore della mia attività mi fa venire un nodo alla gola. Non fraintendetemi, non è una critica a chi lo fa, ogni persona è libera di fare come crede. Vorrei solo far capire che, per me, proteggere il nostro spazio è importante, è salutare – e che si tratta di una libertà a cui non sono disposta a rinunciare. Porre dei limiti mi consente di avere un rifugio, mi permette di vedere le cose a distanza e di riconoscere quelle inutili da seguire, di tagliare gli impegni e liberarmi dell’orologio… è come la marmellata negli ingranaggi!
…e poi: ma davvero avete bisogno di sapere di più? Non vi parlo già abbastanza di me? Ho scritto più di quattrocento post in
questi quattro anni, davvero vi do la sensazione di ‘non esserci’? Non ci credo.
And about sharing my life more than I do – no, don’t ask me that. In this blog I always talked about me and I even talked about my kids, I told single stories and experiences taken from a whole big life which keeps on staying in the backstage. I always preserved my family, especially concerning images, and the idea of ‘using’ them for my activity makes me sick. Don’t misunderstand, I am
not criticizing – everyone is free to choose. I just want you to understand that, for me, protecting our ‘area’ is important and healthy – and that’s a freedom I am not willing to give up. Establish boundaries allows me to keep my shelter, gives me the distance to focus and recognize what is useless to follow, helps me to cut on the obligations and free myself for the watch… it’s like marmelade in the gearwheels!
…and then, seriously: do you need to know more about me? Don’t I talk enough about myself? I wrote more than 400 posts for this
blog, do you really feel like ‘I’m not there’? I can’t believe it.

 

Raperonzolo – Rapunzel

Già, di nuovo lei. L’ho dipinta ancora, disegnata in bianco e nero, disegnata a colori. Sempre rigorosamente senza principe, circondata di rose rampicanti, in attesa. E lì sono poi rimasta, bloccata per giorni dai dolori alla schiena, senza riuscire davvero a
concludere qualcosa. Oggi sono contenta di star finalmente meglio e di essere riuscita a recuperare almeno un po’ del tempo perso, di aver completato la newsletter e essere finalmente qui a parlare con il mio diario online…

 

Raperonzolo1

 

There she is again. I painted her again, I drew her in black and white, I even drew and painted her in colours. Always without a prince, surrounded by climbing roses, waiting. And there I stood, blocked for days because of strong back-pain, unable to really do something. Today I am so happy to be almost ok, so happy that I managed to catch up some of the time I lost, writing the newsletter and finally updating this online diary…

 

Raperonzolo2
 
Raperonzolo3

 

Raperonzolo e altri frammenti – Rapunzel and other fragments

A volte rimpiango di non avere la possibilità di fare un salto al bricolage per procurarmi la materia prima per i miei lavori, specialmente quando ne ho poca, o quando non trovo l’adatto corrispondente all’idea che ho in testa. Perché è così: i miei materiali sono già pezzi unici, hanno già una loro forma e una storia (che io posso sono immaginare).

 

Raperonzoloealtriframmenti21

 

Sometimes I regret not being able to simply step by a craft shop to get the materials I need for my artworks. This happens especially when I don’t have many stones left, or when I cannot find the right rock for what I have in mind. That’s how it is: my raw materials are already one-of-a-kind, they already have their own shape and their own story…

 

Raperonzoloealtriframmenti3

 

Non ho sempre una grande scelta di pietre adatte alla pittura ma, come spesso accade, quel che può apparire come un limite di questo materiale rappresenta anche il suo più grosso fascino; un sasso non è un foglio bianco, ha da dire la sua su quel che sarà il suo tema e il risultato finale. È un po’ come scrivere in endecasillabi: può sembrare un modo inutile di confinare la propria creatività, ma sono proprio quei confini a spingere alla ricerca di nuove soluzioni.
I don’t always have a big choice of stones, but what seems to be the biggest problem – that’s the truth – is in reality the most fascinating side of this media; a stone is not a white sheet of paper, it has its own view on the topic and its final outcome. It is like writing poetry in rhymes: it may seem a useless boundary to creativity, but it is thanks to these boundaries that an artist is forced to look for new solutions.

 

Raperonzoloealtriframmenti5

 

Chissà poi se esiste, il destino; fatto sta che lascio spesso che sia il caso a indicarmi la strada. Per caso ho dipinto le prime pietre, per caso ho dipinto una prima casetta, per caso non sono riuscita a lasciare un pezzo di coccio ritrovato sulla riva lì dove il mare lo aveva depositato. Lo scorso inverno ho provato a dipingerlo, e mi è venuta voglia di farlo ancora. Ho dovuto aspettare per rivedere il mare, e quale è stata la mia sorpresa quando il primo coccio che ho raccolto, io che pian piano vorrei dipingere tutte le fiabe, era proprio la torre di Raperonzolo… chissà se è veramente il caso. Forse dovrei chiamarla semplicemente ‘ispirazione’.
I wonder if fate exists; I let chance often guide me. It just happened that I painted my first stones, then my first miniature house, it just happened that I found some beach pottery and wouldn’t leave it were the sea laid it down. Last winter I tried to paint it, and felt like I wanted to do it again. I had to wait before seeing the sea again, and what was my surprise when I recognised in the first broken tile I collected Rapunzel’s tower – and I’d love to paint all the fairy tales, little by little… I wonder if I should call it fate. Maybe I should just call it ‘inspiration’.

 

Raperonzoloealtriframmenti4

 

Quando si crea costantemente, con il tempo vengono fuori elementi ricorrenti e linee d’ispirazione. Ci sono delle costanti che si declinano, e quello è lo stile. Rose e edera rampicanti, finestre, uccelli bianchi, figure femminili dagli occhi affilati.
E poi ci sono gli elementi che evolvono, come può essere in questo caso la scoperta di un nuovo materiale, che mi piace ancora di più perché mi riporta a uno dei temi principali di questo blog, il riciclo creativo.
If you focus on creating, you’ll find recurring patterns and streams of inspiration. The constant elements inflecting, that’s the style. Climbing roses and ivy, windows, white birds, ladies with long sharp eyes. And on the other side there is what evolves, like in this case – the discovery of a new media. I am so fascinated by beach pottery also because it takes me back to a main topic of this blog: creative recycling.

 

Raperonzoloealtriframmenti11

 

Per me era importante tornare al tema del riciclo in modo non banale. Io non sono affatto contro il continuo sbocciare di nuovi negozi di handmade, e in questo credo di essere più tollerante di molte colleghe. Credo che ognuno abbia il diritto di provare, e meriti rispetto anche solo per aver avuto il coraggio di farsi avanti. Il fatto a mano va rispettato e diffuso, e ogni voce in più aiuta a farlo conoscere.
Quello che non mi piace però è trovare spesso le stesse cose, le stesse tecniche declinate negli stessi oggetti, gli stessi colori, le stesse fantasie. Mi piacciono le persone e gli artisti che hanno una voce propria, e mi sono resa conto vivendo il settore del fatto a mano che si può parlare attraverso qualsiasi materiale.
Tutte le altre, sono solo copie.
For me it was really important to get back to recycling, and not in an ordinary way. I am not against the continuous bloom of new handmade shops – unlikely most of my ‘colleagues’, I would say. I believe that everyone has the right to take his chance, and that he deserves respect for the reason alone that he had the guts to try. Moreover, handmade needs respect and knowledge, and each and every voice helps its diffusion.
On the other hand what I don’t like is to find so often the same things, the same techniques inflected in the same ways, the same colours, the same designs. I love people and artist who have a own voice, and living the ‘handmade world’ I realised how much you can express yourself through whatever material.
All the others, are just copies.

 

La Sirena – The Mermaid

Giorno d’esame oggi, e mi sento come ci si sente dopo gli esami: sollevata, stanca, fiera, un po’ smarrita. Per cui ho deciso di lasciarvi con poche parole e un disegno che mi ha occupato in gran parte prima di iniziare le lezioni, e che ho finito rubando minuti allo studio… quest’anno ho tanta voglia di disegnare.

 

Mermaid1

 

Today it was exam day, and I feel exactly like you’re supposed to feel after an exam: relieved, tired, proud, a bit lost. That’s why I decided to leave you with a few words, and a drawing I worked long before starting with the lessons, and a bit stealing time to my grammar books… this year I want to draw a lot…

 

Mermaid2

 

Mermaid3

 

I sassi numerati e l’asteroide B612 – Some numbered stones and the asteroid B612

‘Ho serie ragioni per credere che il pianeta da dove veniva il piccolo principe è l’asteroide B612. Questo asteroide è stato visto una solo volta al telescopio da un astronomo turco, nel 1909. Aveva fatto allora una grande dimostrazione della sua scoperta a un Congresso Internazionale d’Astronomia. Ma in costume turco com’era, nessuno lo aveva preso sul serio. I grandi sono fatti così…’

 

IsassinumeratielasteroideB612cover

 

‘I have serious reason to believe that the planet from which the little prince came is the asteroid known as B612. This asteroid has only once been seen through the telescope. That was by a Turkish astronomer, in 1909. On making his discovery, the astronomer had presented it to the International Astronomical Congress, in a great demonstration. But he was in Turkish costume, and so nobody would believe what he said. Grown-ups are like that…’

 

IsassinumeratielasteroideB6121

 

Ho ritrovato in queste sere un testo, in una raccolta di pensieri, in cui si parla di un uomo che esce di casa e attraversa il mondo per ritrovarsi inaspettatamente al punto di partenza, non di fronte ma sul retro della sua abitazione, dove si accumulano i suoi sogni dimenticati, i suoi progetti non finiti. Per tanti anni ho sottovalutato la mia capacità di disegnare, ma l’ho ritrovata appena ho allentato la presa su me stessa, appena ho smesso di arrancare in tutte le direzioni alla ricerca di una strada mia. Appena mi sono fermata, appena ho avuto tempo per davvero, mi sono accorta che ero tornata da me.
I found one these evenings a text, in a collection of thoughts, where is told the story of a man leaving his house and crossing the world to end up where he started, but finding himself in front of the backdoor, where all his abandoned dreams and unfinished projects lie. For years I underestimated my drawing skills, but I found them again as soon as I let myself breath, as soon as I stopped limping along in all directions trying to find my way. As soon as I stopped, as soon as I got time for real, I figured out I came back to me.

 

Non c’era nulla di premeditato; esplorando questo blog è facile rendersi conto di come ho avanzato in questi anni, cambiando argomenti e spostandomi sempre più, mio malgrado, verso il mondo creativo. In un’intervista recente ho parlato di questo blog come di un’incubatrice, lo spazio dove ho trovato, passo dopo passo, la mia, oserei dire, ‘vera’ forma. Quando ho cominciato a scrivere sapevo molto meno di me.
I didn’t plan any of this; exploring this blog you can easily see how I advanced all these years, changing topics and moving slowly, without even noticing it, towards creativity. In a recent interview I compared this blog to an incubator, the space where I found, step by step, my – let’s call it like that – ‘real’ shape. As I started to write, I knew a lot less about me.

 

IsassinumeratielasteroideB6122

 

Non mi sarei mai aspettata niente di tutto questo. Eppure le mie casette e i personaggi su pietra hanno cominciato a viaggiare per il mondo, e mi spaventa e meraviglia pensare al viaggio che dovrei compiere se volessi un giorno (cosa impossibile, visto che non mi appartengono più) recuperarli tutti. Così, ho compiuto un altro piccolo passo imprevisto e necessario. Ho cominciato, da poche settimane appena, a dare un numero alle mie creazioni. Ho scelto una lettera e tre numeri, come quelli dell’asteroide B612.
Non potrò mai recuperarli, certo, ma ora ho la sensazione di mandare i miei sassi a costellare lo spazio con un nome proprio, con il quale possono riconoscersi tra loro e farsi riconoscere, e mi sembra una scoperta incredibile.
I didn’t expect anything of what happened. My houses and characters on stone began to travel the world, and I get scared and astonished at the same time thinking about the incredible travel I should do one day to collect them all – of course it is not possible, they don’t belong to me anymore. That’s how I took another little, unexpected step. A few weeks ago, I began to number my
artworks. I gave them a letter, and three numbers, just like the asteroid B612.
I won’t own them anymore, but I have the feeling now that I’m scattering my stones in the sky with a name, a name which makes them recognisable to each other, and to everyone – to me, that’s a big discovery.

 

Ho preso a numerare anche i sassi che ho dipinto in passato, e visto che non posso più dipingere il loro nome sul retro, sto disegnando i piccoli certificati che vedete nelle foto. Sarò lieta di spedirli a tutti coloro che hanno frequentato lo shop nell’ultimo anno, a spese mie naturalmente. È così: ogni tanto faccio un passo, e chissà dove arriverò.
I gave a number also to the stones I already painted, and since I can’t write their names on the back anymore, I’ve been making the little certificates you can see in the pictures. I would be happy to send them to all the owners, so please contact me if you’ve been a customer of Mammabook. It is so: sometimes I take a step, let’s see where I get to.

 

Dietro le quinte – In the backstage

Ho immaginato a lungo i miei sassi come palcoscenici, ma non credevo di saperli dipingere. È questa la prima novità del mio 2015: sono apparsi i personaggi. Prima ho creato la piccola Cappuccetto Rosso e il lupo, in più copie, poi ho deciso di cimentarmi in una figura ancora più complicata, una cantante lirica, che racconta la sua storia dal centro della palco.

 

Dietrolequinte4

 

I imagined since a while my stones turning into stages, but I though I wouldn’t be able to draw them. This is the first big news of 2015 for me: characters. First I painted the little Red Riding Hood and the wolf, in more copies, then I decided to work on a more complicated illustration, an opera singer, telling her story onstage.

 

 Dietrolequinte1

 

Parlando di teatro, di scena e retroscena, colgo l’occasione per mostrare qualche foto scattata durante la creazione dei miei ultimi sassi dipinti. Capita spesso che mi chiedano dei consigli riguardo a questa tecnica, e confesso che faccio fatica a rispondere; non perché non voglia aiutare, ma semplicemente perché dipingere è esattamente come disegnare: non lo so perché mi riesce, so farlo e basta. Tutto quello che posso fare è condividere sono le informazioni sui materiali, e mostrare qualche foto del procedimento, sperando possa rendere più chiaro il procedimento…
Talking about proscenium, stage and backstage, I’m taking the chance to show you some pictures taken while painting rocks. I often get asked about this technique, but it not easy for me to give answers; not because I don’t want to, just because painting is like exactly like drawing: I can do it, spontaneously, and I don’t know why. All I can do is sharing information about the material I use, and show some pictures illustrating the procedure…

 

Dietrolequinte2

 

Disegno elementi molto piccoli, ma ho sempre scritto e disegnato in piccolo, e anche questa è una capacità del tutto spontanea. Non disegno quasi mai il mio soggetto a matita sulla pietra prima di procedere. Traccio i primi grandi tratti di colore (le tende, il tetto) per delimitare lo spazio e poi disegno in nero, con un pennello sottile, prima gli elementi più grandi e poi i dettagli (come nella calligrafia, è buon sistema per ‘gestire al meglio’ la superficie).
 Stendo il colore, che ormai ho imparato a sfumare, con lo stesso pennello piccolo (dallo 0 in giù) che utilizzo per tracciare le linee, poi torno di nuovo a definire i bordi neri. A volte mi capita di tornare più volte sul colore e poi sul nero, finché non ottengo una linea ben definita. Con il tempo divento sempre più pignola…
I paint really tiny details, but I always wrote in small characters and draw small things, so this also a skill that belongs somehow to who I am. I almost never draw my subject before painting. I mark the bigger areas (the curtains, the roof) with a strong colour then I sketch with a tiny brush the shapes: first the big ones, than the details – it is the best way, like with calligraphy, to ‘distribute the elements’ in the nicest way.
Then I fill up the figures blending the colours, with the same thin brush I used before (number 0 or less), then I define again the shapes with black. Sometimes I go on alternating colour and black until I get a clean-cut line. I get more and more fussy with the time…

 

Dietrolequinte3

 

Oltre alle foto di questo post vi consiglio, se siete curiosi, di seguire la pagina Faceboook di Mammabook, dove condivido spesso immagini del mio laboratorio e dove potrete trovare anche qualche video fatto da me (con il telefono appoggiato su un bicchiere, visto che sono sola e ho le mani impegnate) in fase di pittura.
If you’re curious, I would recommend to follow Mammabook also on Facebook: I often share pictures of my lab on the page, and you can even find some videos I made (positioning my phone on a glass, since I work alone and both my hands are busy) while painting.

 

Dietrolequinte5

 

Vi confesso che spero di tornare presto a teatro. Prima di avere bambini ci andavo spesso, ho visto veramente di tutto. Ma si sa, i cuccioli crescono anche troppo in fretta e avrò tutto il tempo di rifarmi; e poi dopotutto lunedì prossimo torno sui banchi dell’università, ed è già una bella conquista…
I confess, I’d love to go to theatre soon. Before having kids I was going all the time, I saw hundreds of plays. Anyway, we know babies grow way too fast and I will have plenty of time to catch up; and after all next Monday I’ll be back studying at the university, and this is already not bad…

 

Un Art Journal per voi – An Art Journal for you

 Vi presento oggi un progetto che mi sta molto a cuore, a cui ho lavorato per mesi tra alti e bassi, momenti in cui mi ripetevo che ero folle e nessuno avrebbe capito questo nuovo prodotto, momenti di entusiasmo, momenti in cui continuavo a disegnare e non sapevo nemmeno perché… Chi mi ha seguito in questo anno conosce il mio Art Journal. L’idea è semplice: metterlo a disposizione di tutti, dare la possibilità anche a chi non ama disegnare o non ha tempo e idee, di
avere il proprio diario. Un diario artistico personalizzabile, da riempire con i vostri pensieri, lo scorrere dei vostri giorni, con i colori delle vostre giornate, con scarabocchi e piccoli ritagli, da organizzare e gestire come preferite.
Today I’m sharing with you a project that is really important for me. I’ve been working on it for a long time, between highs and lows, telling my self that it was a great idea, or that I was completely mad, depending on the mood… Those who followed me through this year know my Art Journal. The idea is simple: create an Art Journal for everyone, especially for those who don’t like to draw or have no time or ideas; a very personal artistic diary, to fill up with your thoughts, with your life, the colours of your days, with doodles and scraps, a diary that you can organize and manage as you like.

 

Fotoblog3

 

Undiario da realizzare per sé ma anche da stampare in più copie e regalare. Un regalo davvero conveniente (vi basterà acquistare il file una sola volta) e originale (mai visto un Art Journal stampabile prima d’ora?), un invito a vivere un anno in maniera speciale. Ho visto brillare gli occhi delle persone a cui l’ho regalato a mia volta, anche le più insospettabili, e mi sono convinta che in tanti abbiano voglia di buttarsi e provare ad avere un diario così… come regalarlo, dite? Io l’ho messo in cartelline colorate, ma potete rilegarlo, metterlo in un quaderno ad anelli, in un libro, arrotolarlo e legarlo con un bel nastro (e una pallina di Natale!). Può essere un piccolo pensiero, o il biglietto speciale per un grande regalo.
An Art Journal for you, but also a great gift: convenient (you just need to buy the file once), original (have you ever seen a printable artistic diary before?), an invitation to live the next year in a very special way. A lot of people I would have never expected to were so enthousiastic as they received it from me, and now I know for sure that so many people would be so happy to be invited to this adventure… how can you give an Art Journal? I used some coloured paper folders, but you can bind it, put it in a book, roll it and
close with a coloured ribbon (and a Christmas decoration!). It can be a small sweet gift, or a special ‘card’ to accompany a big present.

 

Fotoblog2

 

È ovvio, che questo è anche un modo per sostenere il mio lavoro, è il motivo principale per cui ho scelto un prezzo molto basso (cinque euro, da cui detrarre i costi di Etsy e la percentuale di vendita). Non posso lamentarmi di come sono andate le cose quest’anno, e ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuto e i clienti che sono tornati più di una volta, una grandissima soddisfazione.
Allo stesso tempo non ho coperto grandi numeri, e vorrei poter fare di più. Chi si mette in proprio e lavora per se stesso ha bisogno di sostegno, e non solo a parole. Ho sempre ripetuto che è importante acquistare dai vostri creatori preferiti: noi non siamo multinazionali, e ogni singola vendita è una spinta in più a continuare a provare. Ci vuole tanto tempo per creare, tempo per fotografare, gestire il negozio, informarsi, studiare, gestire i social, è dura stare dietro a tutto. Chi ha un negozio online lo sa, gli altri meno.
Of course, this is also a way to support my work, and this is the main reason why I decided for a low price (five euros minus Etsy’s expenses and percentage). I can’t complain about my year, and I want to thank all the customers who supported me, and those who came back to my shop for more, it’s a great satisfaction.
At the same time I didn’t cover big numbers, and I would like to reach more people. Who decides to get self-employed and to work for his art needs support, and not only congratulations. I’ve told you so many time that it is important to buy from your favourite artisans: we are no big company, and each and every single sale is an incentive to go on and keep on trying. It takes so much time to create, to take pictures, to manage the shop, keep informed, study, promote your business. It’s hard to keep everything going. Who has an online shop knows it very well, most don’t.

 

 Fotoblog4

 

 Si tratta di realizzare un sogno, e io voglio credere che valga tutto l’impegno, il tempo, gli investimenti che ci ho messo.
Io per prima compro e regalo handmade, e aiuto a far conoscere i creatori che se lo meritano. Se credete in me e nel mio lavoro, vi aspetto in questa folle impresa artistica che vi accompagnerà per un anno. Datemi una possibilità. Credetemi, non resterete delusi.
 It’s about making a dream work, and I want to believe that it is worth all the efforts, time and investment I put in it. I am the first one who buys handmade products, for me and for my friends, promoting the artisans I love. If you believe in me and in my work, let the Art Journal accompany you through a very special year. Give me a chance. I won’t disappoint you.