Come fare un berretto di Babbo Natale riciclato – DIY Santa’s recycled hat


Ne ho talmente tante in ballo che ho l’impressione di
‘dimenticarmi’ di Mammabook. Tra ricette, sassi e altre creazioni, ho lasciato
un po’ da parte il riciclo creativo e le creazioni per bambini, che ritengo
siano un po’ alla base di questo blog. Vi prometto che cercherò di rimediare,
anche perché ho un sacco di idee che aspettano da tempo…
In vista
del Natale ho pensato di proporvi oggi un’idea semplicissima di riciclo
creativo, per giocare e decorare allo stesso tempo.
Sì,
perché a casa nostra, oltre a decorare la casa, ci divertiamo a travestire i
pupazzi e dargli un’aria più natalizia – ce ne sono talmente tanti per casa!
Basta poco: cappellini, sciarpine, corna da renna, e l’atmosfera si fa magica e
accogliente.
Christmas is on the way, and at home is time for decorations… also for
the kids! Yes, because at home we love to dress up our soft teddy friends,
after all they’re everywhere! All you need is to collect winter hats and
scarfs, and funny holiday caps. And in case you need an extra one, here’s a
really easy and quick project for you!

Molto di quel che usiamo appartiene a noi: cappelli da sci,
cappelli da Babbo natale, sciarpe recuperate chissà dove …e ora come se non bastasse
c’è anche mamma che si fa venire in mente idee di cucito creativo! Non bastano i
cappucci rossi? Allora prendiamo un vecchio pigiama e un po’ di lana, e in
pochi minuti ne avremo uno formato pupazzo (o bebè)!
Ovviamente potete usare qualsiasi tipo di stoffa rossa di
recupero, ma il trucco sta nell’avere un ritaglio già chiuso sui lati, in modo
da avere un ‘tubo’ e l’orlo già rifinito da un lato, così da non dover
faticare troppo. Come vi mostro nella foto, io mi sono limitata a chiudere
l’estremità non cucita e a piazzarci sopra un bel pompom bianco di lana – sì,
l’ho fatto con un cucchiaione come molti lo fanno con la forchetta, però vi
confesso che preferisco di gran lunga il metodo classico con i due cerchi di
cartone, il risultato è molto più preciso e si può tranquillamente lasciare che i bambini ci aiutino.
…tutto qui! E voi come li vestite i migliori amici dei
vostri bambini quest’anno?
All you need is a piece of old clothes (mine is a pijama leg),
preferably already sewn on the side (so to say ‘closed’) and fringed on the
bottom. You’ll just need to sew together the top and close it like a beret, and
fix a nice white woollen pompon on it. In the picture you can see I used a
spoon to make it fast (like most people use a fork) but I must confess that I’m
a fan of the old-school method with the two carton rings… the result is much
more precise!
That’s it, now have fun and make as many as you want!

San Martino (45/52)

…eh, vorrei non avervi promesso delle belle foto! Vuoi per via dell’oscurità, della calca, del freddo, del panorama poco suggestivo (niente giro sul fiume, sigh!), e soprattutto vuoi per la difficoltà di maneggiare passeggino doppio, lanterna e macchina fotografica allo stesso tempo, vi confesso che non ho combinato un granché.
Peccato, perché San Martino è una bellissima festa – la festa delle lanterne – e potrebbe essere molto più suggestiva!

 

St-Martin-lumino

 

San Martino si celebra l’11 novembre in ricordo dell’atto di generosità di San Martino che, per permettere a un mendicante di riscaldarsi, tagliò il suo mantello con la spada e gliene donò mezzo. Nelle settimane precedenti i bambini preparano la loro lanterna, solitamente in carta o cartapesta, che può raffigurare quel che preferiscono. I più piccoli la portano appesa a una stecca, mentre i bambini più grandi la portano su un palo, con dentro una candela.

 

St-Martin-1

 

Ogni asilo e ogni scuola ha il suo corteo (a volte in giorni diversi) e i bambini sfilano  cantando e illuminando la strada con le lanterne. Noi genitori eravamo ai lati della strada con dei lumini (per lo più vasi di vetro con dentro una candelina, come quello nella foto) per indicare la strada ai piccoli.
Tornati all’asilo i bambini hanno cantato e sono entrati a far festa, mentre noi siamo rimasti fuori al freddo (mia figlia aveva la tuta da neve, io invece mi sono beccata un bel mal di schiena) a riscaldarci con cioccolata calda e vin brulè.

 

St-Martin-2

 

Alla fine della festa, i bambini ricevono un Weckmann, un omino dolce, e se mamma non è assiderata (e non è troppo tardi), possono andare a cantare di porta in porta, e ricevere caramelle, noci e mandarini.

 

Weckmann

 

San Martino è davvero una festa suggestiva. È una festa locale che si è conservata così com’e, senza diventare commerciale. Mi piacciono le luci nel buio, i canti, mi piace che i bambini si costruiscano da soli la propria lanterna.
Certo, il più grosso evento dell’anno resta il carnevale, ma questa è davvero una festa dei bambini, e speriamo che resti così!

 

Bomboniere con i vasetti degli omogeneizzati …di Sara! – Sara’s birth favours with recycled baby food jars


Yuppi,
che bello, è successo anche a me! Io ve lo chiedo sempre di farmi sapere se create
qualcosa ispirandovi a quel che combino, e Laura qualche tempo fa è stata così
gentile da contattarmi su Facebook e addirittura tenermi aggiornata sulla
preparazione del battesimo della sua bimba. Visto che mi ha dato il permesso vi
faccio vedere le foto!
How
cute, I got some pictures from a follower: inspired by my baby birth favours
she created her own for her daughter’s baptism (that’s how we usually do it in
Italy) – and since I got her permission I want to show it to you!

Per
decorare i vasetti degli omogeneizzati (qui trovate il mio post… già di un
anno fa, incredibile!) Laura ha scelto anche lei della stoffa quadrettata
fermata da un nastrino, ma ha preferito i toni del rosa. Con il fimo che non aveva mai usato prima, anche
se non si direbbe ha creato tanti
teneri piedini. Non solo i piedini mi piacciono tantissimo e trovo che siano
un’idea da copiare, ma trovo geniale anche il fatto che Laura ne abbia fatto
delle calamite: un utile regalo handmade per tutti gli invitati! Come mai non
ci ho pensato prima?
To
decorate the little favours, Laura made some sweet little pink feet in polymer
clay – idea to copy
and glued a
magnet on the back, so that her guest will have a nice and useful souvenir… why
didn’t I think of that before?

E
già che ci sono condivido con voi le foto della bellissima torta – ehm, non aspettatevi
niente del genere da me – e rinnovo gli auguri alla piccola Sara… visto che
stile? Grazie Laura, un abbraccio!
So
my best wishes to the little Sara, and a big thanks to mum… and by the way,
I’ll never be able to make a cake like that…
Just
a little note before closing: since last
week you can follow Mammabook also on Blogloving’ and on Feedly

both are available also as phone app and work great. See you there!
Prima
di chiudere, un piccolo messaggio per gli addetti ai lavori: per mettere ordine
nel casino generale che si è venuto a creare negli ultimi giorni Alex ha indetto un Linky Party per scambiarsigli indirizzi di Bloglovin’. Se anche voi siete iscritti vi consiglio
di partecipare! E se ancora non lo siete bastano pochi secondi… potete trovare Mammabook sia su Bloglovin’
che su Feedly
.
Personalmente
ho già installato entrambe le applicazioni nel telefono… quale preferisco?
Ancora non ho deciso, però riesco a seguire molto meglio gli altri blog ragion
per cui, che siate blogger o meno, vi consiglio caldamente entrambi i servizi
per portarvi dietro e leggere i vostri blog preferiti – in vacanza è meglio di
una rivista.

Diavoletto portaspille e altre idee per la festa della mamma – Brooches holder devil and other cute ideas for Mother’s day

   Contro ogni aspettativa, devo
ammettere che mi sto divertendo un sacco con la pagina Facebook. Chi mi
segue avrà notato che mi diverto a dare anticipazioni sui post del giorno dopo…
e la domanda di ieri era: indovinate un po’ cosa ho riciclato per creare questo
diavoletto? Ebbene…

Devil 3
…una
scarpina invernale da bebè!
Il
procedimento è semplicissimo: tagliate la punta della scarpina, imbottitela (io
ho usato gli scarti del cestino di maglietta), e chiudetela in cima a
mo’ di sacchetto, lasciando però lo spazio per inserire un pezzetto di feltro rosso, tagliato
come nella foto.
I
created this little devil using a baby shoe
: I cut the bottom, filled it up
with fabric scraps (I got mine from my t-shirt basket), inserted a piece
of red felt cut like in the picture, and hand stitched it, in a way to leave
outside only the horns.
Devil 4
Cucite
a mano lasciando visibili, del feltro, solo le corna. Quando il corpicino è
pronto, attaccate gli occhi e la coda. Per la coda ho usato ancora una volta
del filo ‘di recupero’ con una piccola anima di metallo sui bordi, mentre
la punta è fatta di feltro. A fine cucitura ho arrotolato più volte il filo
intorno alla coda e poi l’ho fissato.
The
tail is also made out of felt; once finished, I rolled the thread around the tail
and then fixed it. The ribbon contains a little metal thread on the sides, just like
the one I used for the bird. Attach eyes and tail, and the devil is ready!
Devil 5
Anche
questa creazione è perfetta per tenere in ordine le mollettine delle bambine
nel cassetto (come l’uccellino) o, nel mio caso, visto che l’ho spedito
come regalo alla mamma, per conservare le spille, attaccandole alla coda.
This
little devil is perfect to hold hairclips or, since I used it for Mother’s day,
to keep in order the brooches inside the drawers.
Devil 2
Devil 6
   Come sempre poi, non poteva certo
mancare il biglietto con la manina: uno ogni anno, da conservare, con una
manina sempre più grande…
L’anno scorso la piccola aveva solo pochi giorni, ma questa
volta ha ‘stampato’ anche lei! Se vi interessa, qui trovate i biglietti degli
anni passati… 20112012
And
like every year, we made our hand-stamped cards: we send one to the grandmas
every year, so that they can collect them and have the little hands
growing… maybe they will frame all of them in a couple of years? Here are the
2011 and the 2012 versions.
Manine 2013
Devo
dire che anche nella raccolta di Riciclo Creativo per Bambini le idee per
la festa della mamma non mancano!
Mi sono divertita a selezionarne qualcuna per
voi, tutte belle e veloci da realizzare:
Bacheca per la mamma (Mille idee al nido)
Pianta decorata con le fate (Maryclaire perle & cose)
Vasetti di vetro speziati (La valigia della bisnonna)
Cornice di cartone (Riciclattoli)
Portapenne in gomma crepla (La gioia di essere mamma)
Calendario da scrivania (Gioka con Leo)
Cuore di carta intrecciata (L’inventa favole)
Portapenne in stoffa (Penso + invento + creo)
Fiori con le scatole delle uova (Mammabook)
Quadretto 3D (I pasticci di Dani)
Mosaico (Alta priorità)
Cornice con il tappeto puzzle (La girandolina)
Portafoto con la custodia dei CD (Attività creative per bambini)

…e
se avete bisogno d’idee per il pacchetto, provate a guardare nella sezione idee regalo, ce n’è davvero per tutti i gusti! Mi fate sapere se avete
realizzato una di queste creazioni?
Sono lieta di mostrare le vostre foto!

And
for more ideas you can check out the collection of Creative Recycling Ideas for
Kids, here on the blog, or on my Pinterest board. Have a good Mother’s
Day!

Appuntamento
a venerdì, finalmente vi rivelerò la sorpresa che ho (no, no: abbiamo!) in
serbo per voi!
Nel frattempo, se avete tempo e voglia, potete passare da Mo-stracci per votare l’idea di recupero per la carta da lettere inutilizzata che preferite. La mia è la numero diciassette, ma se ve ne piace di più un’altra… pazienza!

Decoupage di Pasqua… e un piccolo grazie.

Vi
confesso che l’idea del decoupage l’avevo lasciata un po’ perdere (anche perché
tanto la colla avevamo già imparato a usarla a dicembre attaccando la barba a Babbo Natale) fino a che… ecco, vi devo confessare che ho un ringraziamento in
sospeso. Sì, perché lo stesso giorno in cui ho tentato il giveaway di Piccies,
ne ho visto uno anche su Carta e Cuci e mi sono detta: – Massssssì, facciamo anche questo! Tanto non
vinco mai!


 …e li ho
vinti entrambi. Sì, lo so cosa state pensando: che quel giorno dovevo anche uscire a
comprarmi un biglietto della lotteria, ma non potevo saperlo. Almeno su blogspot c’ero! Fatto sta, la
settimana scorsa è arrivato questo bel pacchettino con tutte queste formine
colorate… e abbiamo dovuto metterci all’opera! Donna della Domenica, grazie!

Come
base abbiamo usato dei semplici fogli di carta colorata, e ai ritagli abbiamo aggiunto
anche dei coloratissimi pupazzetti di legno che avevamo in casa… ed ecco qua: un biglietto per
oma e opa, e uno per i nonni in Italia. La cosa che mi fa più ridere è come il piccolo (che ha due anni e mezzo) ha
scritto bene il biglietto per i miei genitori.
Lunedì poi è venuto da me e mi ha chiesto se facevamo un bigliettino
anche per papà (quello mi sono scordata di fotografarlo però)… che dolce. O dite che me l’ha chiesto perché adora usare la colla? Non ditelo a papà…
Auguro a tutti Buona Pasqua e tanto, tanto, tanto sole!

Biglietti di compleanno da fare con i bambini usando il cartone delle uova – DIY Birthday cards using egg cartons

Vi chiedo scusa per tutti
questi post a raffica, mi rendo conto che è difficile seguirmi ultimamente! Il
problema è che ci sono delle iniziative a cui voglio partecipare, che scadono,
e tanti progetti di cui vorrei parlare prima di dedicarmi totalmente, per due
mesi, al Riciclo Creativo per Bambini. E a proposito, l’avete visto il nuovo
banner? Vi piace? …Che roba è il Riciclo Creativo per Bambini? Provate a
cliccare…


Here are some really simple birthday cards you can make with your
kids using a sheet of paper and the carton of the egg boxes…


Ultimamente, come alcune di voi sapranno, ho cominciato a creare usando il
cartone delle scatole delle uova (qui trovate fiori e
uccelli
e qui dei biglietti per
la nascita
) e così, visto che volevo preparare qualcosa pensando a
Clara e al sui Linky Party festivi, mi è venuto quasi spontaneo pensare di
realizzare qualcosa proprio con questo materiale. Sono biglietti semplicissimi
che si possono preparare con i bambini (il mio ha due anni e mezzo), e che
vanno bene sia per gli inviti che per augurare buon compleanno.

All you need to do
is fold the paper two times and draw three descending lines like you see on the
pictures.

Cut from the egg carton some triangles, all of the same size, and paint them
with acrylic colours, in order the get vivid colours. Glue them along the
lines… and that’s it! A simple coloured card, perfect for invitations or
birthday wishes!


Prendete un foglio A4 colorato o bianco e piegatelo due volte, poi dividete
visivamente quella che sarà ‘la copertina’ in tre parti e tracciate tre linee a
scalare verso il basso, come vedete nella foto: verso destra, verso sinistra e
poi ancora a destra. Io ho usato una matita nera, ma potete usare anche
l’azzurro o il blu, per esempio.
Dal cartone delle uova, tagliate tanti triangolini della stessa dimensione, e
dipingeteli con le tempere in modo da ottenere dei bei colori vivi. Lasciate
asciugare e incollate le bandierine lungo il filo… finito! Se li fate anche
voi me li fate vedere?!

Con questo post partecipo anche a Let’s Party Kids! di Riciclattoli.

Natale: decorare con le pigne

Negli ultimi mesi durante le nostre passeggiate abbiamo raccolto un sacco di pigne, e mi è venuto spontaneo pensare di utilizzarle per decorare la casa. Se ancora non avete preparato niente queste sono altre semplici e rapidissime idee da copiare… e poi le decorazioni naturali, se non si “interviene” troppo sono perfette per creare un’atmosfera calda, come si addice al Natale.

Dopo aver passato un poco di lucido opaco sulle punte e sulla parte superiore delle pigne, abbiamo utilizzato la colla a caldo per applicare delle piccole decorazioni. Appese a dei nastri a diversa altezza, e guarnite di fiocco rosso, le prime sono andate a decorare la lunga finestra della cucina. Per coprire l’attaccatura ho usato una ghirlanda bianca, ma anche verde o dei rami di pino veri sarebbero stati perfetti.

These are some simple and fast decorations with pine cones. I painted with transparent and a bit shiny paint the bottom and the tips of the pine cones, then I used hot glue to fix them. Here are some of them, hang at different highs in front of the window.

Sull’albero ho usato del cordino dorato per appenderle, e le ho decorate in diversi modi. Con un fiocco, come ho fatto per le pigne della finestra…

I hang them at the tree using a thin golden rope. These are with a little ribbon…
 

   …con dei pompon, dato che sull’albero avevo già messo dei bei pompon rossi grandi…
   …with red pom-poms…

   …con delle bacche prese da vecchie decorazioni…
   …with fake berries taken from old Christmas decorations…

…e con dei fili di ciniglia arrotolati ho creato un piccolo effetto “neve” sulla parte superiore delle pigne. In questo caso sarebbe stato anche carino tingere le punte di bianco. Chissà, magari l’anno prossimo le modifico e le riuso!

…and with a little snow-effect, given with a chenille string. It would also nice to paint the tips white in this case… hope you found some inspiration… Happy Holidays!